DISASTRO AEREO: A TRIPOLI SI SCHIANTA UN VELIVOLO IN AEROPORTO. 105 I MORTI
Di Redazione (del 12/05/2010 @ 09:06:20, in Esteri, letto 3525 volte)

Il velivolo di una compagnia libica proveniente dal Sudafrica è precipitato sull'aeroporto della capitale. Tra i morti 94 passeggeri e 11 membri dell'equipaggio.

 


È esploso durante l'atterraggio, mancando la pista di appena un metro, e si è totalmente disintegrato: lo schianto di un aereo libico all'aeroporto di Tripoli ha provocato la morte di 103 persone. Il velivolo, a bordo del quale c'erano molti stranieri, proveniva dal Sudafrica e secondo quanto riporta la Bbc sarebbe dovuto ripartire da Tripoli diretto a Gatwick. Nell'incidente è sopravvissuta una bambina olandese di otto anni (altre fonti parlano di un bambino): le sue condizioni sono giudicate «buone» dopo il ricovero in ospedale. A causa della violenza dell'esplosione, i resti dei passeggeri e del velivolo sono stati scaraventati nel raggio di un chilometro intorno alla pista. Le autorità libiche escludono che la tragedia sia stata provocata da un attentato terroristico.

 



La sciagura è avvenuta alle 6 nella fase di atterraggio, secondo quanto riferito da un responsabile dei servizi di sicurezza dello scalo. L'aereo è un Airbus 330 della compagnia libica 'Al Afriqiyah' e proveniva da Johannesburg. Il ministro dei Trasporti, Mohammed Zidani, ha spiegato che «fra i passeggeri c'erano cittadini di nazionalità libica, africana ed europea». Tra questi ultimi molti olandesi e diversi britannici. Secondo il direttore dell'aviazione civile libica, Mahammed Sclebek «l'incidente non è dipeso dalle condizioni dell'aeroporto di Tripoli». Recuperate le due scatole nere dell'aereo e un'inchiesta è già stata aperta.


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie