"L'ORTO SUL BALCONE": SPUNTANO DAI NOSTRI VASI I TULIPANI DEL MERCATO GALLEGGIANTE DI AMSTERDAM
Di Marianna Iaquaniello (del 12/05/2012 @ 11:01:00, in L'orto sul balcone, letto 3526 volte)

L'Orto sul balconeChiunque sia stato in Olanda, ha portato con se come uno dei tanti souvenir, un sacchetto di bulbi, acquistato al mercato galleggiante dei fiori ad Amsterdam…
Da quei bulbi saranno poi fioriti degli splendidi e colorati tulipani!

 



È proprio questo il periodo in cui i tulipani esplodono di splendore e colore.

La coltivazione di questi fiori è originaria della Turchia, dove cresce spontaneamente e dove iniziò ad essere coltivato circa 1000 anni fa. Il termine tulipano deriva dal greco turban (= turbante), nome forse dovuto alla sua forma.

 

 

Questa speciale pianta venne introdotta nell’Europa centrale, importata dalla Turchia, intorno al 1550. Al giorno d’oggi, il paese che produce il maggior numero di tulipani è l’Olanda, di cui i tulipani sono simbolo.

Esistono diverse varietà di tulipano, differenti per colore e talvolta anche per forma. I bulbi (che visivamente e come consistenza somigliano vagamente a delle cipolle) vanno piantati in autunno ad una profondità pari a circa il doppio del loro diametro, in modo che siano riparati dal freddo e dal caldo intensi. Il terreno va mantenuto fresco, ben drenato ma bisogna evitare ristagni di acqua che farebbero marcire i bulbi. La fioritura avviene in primavera, dapprima compaiono le foglie, poi comincia a formarsi lo stelo e il bocciolo; da ogni bulbo viene prodotto un singolo fiore.



A fine stagione di fioritura, i bulbi possono venire dissotterrati, e conservati in un luogo fresco ed asciutto e al riparo dalla luce, fino all’autunno, quando verranno interrati di nuovo. Oppure è possibile lasciare i tulipani sfioriti nel terreno, i bulbi tendono a produrre piccoli bulbilli, che con il passare degli anni tendono ad ingrossarsi ed a formare nuove piante.

 

 

La pianta necessita di almeno un paio d’ore al giorno di irradiamento solare. Le annaffiature si praticano solo quando il terreno è ben asciutto; quando il clima è particolarmente caldo è possibile intensificare leggermente la frequenza di innaffio.



I fiori di tulipano esistono di svariate tonalità, dal bianco candido al nero intenso, dal rosso all’arancione, giallo viola; esistono anche varietà con petali striati a più colori.

A chi è fiorito il rarissimo tulipano nero?


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie