GROTTAGLIE TIRA UN SOSPIRO DI SOLLIEVO: L’IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO NON SI FARÀ
Di Redazione (del 29/06/2012 @ 15:29:21, in Ambiente, letto 1328 volte)

La Regione Puglia non ha autorizzato la realizzazione dell’impianto di trattamento del percolato proposto dalla Ecolevante SpA. «Si tratta – afferma l’Assessore all’Ambiente Ing. Giammarco Lupo – di una vittoria della città e dei cittadini di Grottaglie che amano il loro territorio e vogliono proteggerlo da ogni forma di svilimento e sfruttamento. I cittadini di Grottaglie ora sanno che questa amministrazione, da sempre attenta alla questione ambientale, vaglierà attentamente ogni progetto cercando di essere propositiva nell’interesse della città, del territorio e della collettività

A riassumere i punti salienti della questione è un comunicato della Amministrazione comunale di Grottaglie che riporta: “È infatti emblematica la storia di questo travagliato progetto per la “Costruzione e l’Esercizio di un Impianto di Trattamento del Percolato di Discarica” presentato nel marzo 2010 dalla Ecolevante (ora Gruppo LGH) e bocciato con Determinazione Dirigenziale n. 38 del 29 maggio 2012 dalla Regione Puglia, Servizio Rischio Industriale.

 

 

 

 

Nel luglio 2011, continua il comunicato - la giunta Alabrese insediata da pochi giorni si ritrova a partecipare alla prima conferenza di servizi in Regione per la realizzazione dell’impianto di trattamento. Dalla lettura del progetto emergono subito incongruenze e carenze progettuali che, successivamente condivise nella II Commissione Consiliare (Assetto del territorio e lavori pubblici), presieduta da M.Stefani, ed evidenziate dall’Assessorato all’Ambiente del Comune, spingono la Regione a chiedere un parere al Ministero dell’Ambiente. In assenza di qualsiasi indicazione il 14 febbraio 2012 il Comune di Grottaglie chiede alla Regione Puglia che venga espresso definitivamente il diniego alla realizzazione dell’impianto.

 

 

 

«Questa amministrazione – ha commentato il sindaco Ciro Alabrese – non vuole bloccare l’iniziativa privata, specie in questo periodo di crisi economica, ma cerca di favorire e di dare il proprio assenso e supportare progetti, soprattutto quelli di carattere ambientale, che rispondano a elementari requisiti di rispetto del territorio e delle norme, di informazione, condivisione e partecipazione della popolazione. I nostri interessi coincidono con gli interessi primari dei cittadini: avere un ambiente più pulito per sé e per i propri figli».


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie