ATTENZIONE ALL’ASPETTO DELLA PASTA CHE COMPRATE, PER EVITARE BRUTTE SORPRESE IN COTTURA
Di Gessica Caramia (del 03/01/2013 @ 07:32:03, in Chef Gir, letto 1295 volte)

Ora di pranzo. Fame legittima. Pasta in cottura. Menù del giorno: penne all’arrabbiata. Buone. Minuti di cottura trascorsi anzi uno in meno perché la preferiamo al dente, spento il fornello, operazione “scolapasta” e…dove sono le penne?? Tagliatelle o qualcosa di simile escon fuori una volta che l’acqua scompare dai fori della coppa bucherellata.

La cuoca ha sbagliato a scegliere il formato oppure c’è qualcosa che non va?

 

 

 

 

La seconda ipotesi è quella azzeccata: probabilmente vi è già successo e molti avranno capito come possa essere successo ma è anche vero che sarà successo a tanti e la motivazione non è stata trovata. Per chi ancora è in cerca della spiegazione del mistero, la questione è presto detta.

 

 

 

 

Come noterete nella foto allegata a questo articolo, vi suggeriamo di guardare bene i pacchi di pasta che acquistate in quanto, se vi capiteranno dei formati che presentano, ad occhio nudo, quelle striature più chiare che altro non sono che dei “difetti” di produzione, correrete il rischio che la vostra pasta venga “spappolata” non appena immersa nell’acqua bollente, con un effetto “sorpresa” che, in piena ora di stomaco vuoto, converrete con me che non è il massimo…


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie