SEGNALAZIONE: AVVELENAMENTO DI GATTI A GROTTAGLIE :"FERMATE QUEL MOSTRO CHE TORTURA E UCCIDE I MIEI GATTI"
Di Redazione (del 15/01/2013 @ 11:26:00, in Segnalazioni, letto 1774 volte)

Fermate quel mostro, che tortura ed uccide i miei gatti”. Questo grido d'aiuto arriva da una signora che accoglie gatti randagi e animali domestici che ha avuto la terribile sfortuna di vedere morire avvelenati i propri gatti ed a segnalarlo a GIR è il sig. Donato Mancusi già assessore della città di Grottaglie nelle giunte Vinci e Bagnardi, che ci scrive: “A raccontare questo triste episodio è una signora che ha sempre accolto e sfamato gatti e cani randagi e che ha già denunciato il fatto di cui è – suo malgrado – protagonista. Questa signora, da quando ha una casa con un giardino in Via De Sanctis, accoglie e sfama tanti gatti, che sono passati e rimasti da lei; la signora, ha problemi di deambulazione e fa molta fatica a muoversi, ma per i suoi gatti supera anche le sue difficoltà.

Nella settimana dal 8-13 Gennaio 2013, un giorno dopo l’altro i suoi gatti cominciano a morire con sintomi di avvelenamento e altri scompaiono misteriosamente, con oggi
(la segnalazione è del 13 gennaio, N.d.R.) , sono arrivati a 5. Da considerare che i gatti non si allontanavano mai, facevano solo delle passeggiate nelle terrazze circostanti.

 

 

 

 

Si sospetta una persona, per alcuni episodi precedenti, - scrive il sig. Mancusi - ma non si hanno prove certe. Di questo, sono stati informati la guardia zoofila locale e il canile comunale, dove un gatto trovato morto, è in attesa dell’autopsia. Forse, volendo fare denuncia verso anonimi a Carabinieri e Polizia, si ha la paura che tale esposto possa rimanere nel cassetto.

Mi rivolgo a Voi per un vostro appello e un gesto di solidarietà verso questa Signora “Luisa”, che versa costantemente in un mare di pianto, ma soprattutto perchè chi ha commesso e sta ancora oggi commettendo questa azione di crudeltà possa in qualche modo essere punito
.

 

 

 

L’avvelenamento di un gatto – ricorda il sig. Mancusi - è un reato del codice penale punibile con la reclusione fino a 18 mesi ma prima ancora è un’azione orribile di un essere umano che non ha mai posseduto un cane o un gatto e che non sa cosa vuol dire essere amato. “


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie