Conosciamo il nostro Aeroporto
Di Carlo Caprino (del 16/04/2007 @ 15:29:07, in Territorio, letto 3522 volte)

Dal sito di aeroporti di puglia prendiamo qualche informazione sun nostro caro aeroporto Marcello Arlotta.


Aperto nel 1964 ai soli voli commerciali regolari dall'Alitalia con una linea per Roma, l'aeroporto di Grottaglie l'anno successivo diventa anche il capolinea meridionale del collegamento che unisce a tappe la Puglia al Friuli Venezia Giulia operato dall'Ati.

Dopo l'arrivo del bireattore DC 9/30 nel 1968, l'attivazione di un nuovo volo con Milano Linate via Genova, l'anno seguente lo scalo viene chiuso a seguito delle risultanze del "Rapporto Lino"sulla sicurezza negli scali italiani. Rimasto inattivo per 16 anni durante i quali sono stati eseguiti lavori come la rimozione di ostacoli, la costruzione di un terminal passeggeri e la caserma dei Vigili del Fuoco, il "Marcello Arlotta" rimane operativo nel 1989 grazie ai Fokker F 28 dell'Alinord in servizio da Taranto a Ciampino, Bergamo, Perugia e Milano Linate.

Nel 1990 il vettore romano fallisce e Grottaglie per un triennio ritorna nuovamente ad essere frequentato solo dall'aviazione generale e d'affari sino al gennaio 1993 quando la Genavia, con un Cessan Citation, attiva un volo da Genova che però viene sospeso alla fine di settembre. Ai jet liguri si sostituiscono quelli delle Victor Fly di Bari che vola tra Grottaglie e Roma Fiumicino. Nonostante i progetti di introdurre aerei più capienti l'iniziativa della compagnia non ha successo, per cui i voli vengono sospesi lasciando Taranto senza collegamenti regolari.

 

Evoluzione del traffico nell'aeroporto

di Taranto-Grottaglie

 

-

Passeggeri

Aeromobili

1992

4.680

510

1993

3.494

434

1994

514

78

1995

916

84

1996

510

85

1997

1.022

137

1998

910

154

1999

51.693

933

2000

3.489

429

2001

1.482

508

2002

604

294

2003

306

365

 

 

Unità di misura

  Spazi complessivi per il pubblico

mq 1350

Aree ristorazione (Bar)

mq 20

Servizi igienici

N° 23

Servizi igienici per disabili

N° 1

Posti a sedere

N° 60

Biglietteria

N° 1

Banchi Check-in

N° 4

Gate imbarco

N° 3

Postazioni controllo radiogeno bags

N° 1

Nastri di consegna bagagli

N° 1

Posti di sosta taxi

N° 3

 

 

AEROPORTO DI GROTTAGLIE
Lavori potenziamento land side - air side per la realizzazione della nuova piattaforma logistica

APPALTATORE: A.T.I. CAVALLERI SPA – UNILAND SCARL, VIA ANEMONE 20/A 24044 DALMINE (BG). AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA CON NOTA SEAP PROT. N° 3219 DEL 11/08/2005. CONTRATTO: N° DI REP. 183 DELL’11/08/2005, REGISTRATO A BARI IL 24/08/2005 AL N° 8837.

La durata complessiva dei lavori era stata inizialmente fissata in 500 giorni solari continuativi a far data dal 24 ottobre 2005 (scadenza 7.3.2007). In base all’Accordo di Programma sottoscritto da Regione Puglia/Aeroporti di Puglia ed Alenia/Boeing, questi ultimi hanno richiesto il completamento degli stessi entro il 15.12.2006 per consentire il volo sperimentale preventivato per quella data ed il primo volo legato al trasporto dei componenti del nuovo aeromobile B787. Pertanto, sulla base delle prescrizioni programmatiche della Boeing, sin dall’inizio dei lavori AdP ha adottato rigorose e disciplinate metodologie per raggiungere l’obiettivo richiesto, pianificando ogni aspetto relativo al rispetto di tempi, costi, qualità e sicurezza.
Un obiettivo impossibile da centrare se tra i soggetti coinvolti - pubblici e privati - non si fossero stabilite ferree regole deontologiche, oltre a quelle costruttive forme di cooperazione e collaborazione che devono instaurarsi tra chi esegue i lavori e chi li controlla. Il tutto nel rispetto dei termini contrattuali e normativi ed in considerazione della necessità di dover comprimere i tempi che, come ben noto, potrebbe comportare il decadimento del livello qualitativo delle opere, l’aumento di rischi connessi con la sicurezza sul cantiere ed anche l’aumento dei costi.
 Orbene, grazie ad un qualificato gruppo di lavoro di sole 15 persone che ha costituito l’ufficio di direzione dei lavori ed un’impresa specializzata in lavori aeroportuali – ed in grado di impiegare punte di circa 300 uomini/giorno -, è stato possibile raggiungere l’obiettivo in tempo utile e senza alcun incidente sul lavoro.
Le opere, di importo pari a circa 63Mln€ netti per le opere di seconda fase, sono state realizzate adottando il metodo dell’esecuzione dei lavori in parallelo (contemporaneità di lavori omogenei e non nei vari sub-cantieri) e non in serie (sequenza cronologica dei lavori omogenei da un sub-cantiere all’altro). A ciò deve aggiungersi la loro fasatura esecutiva secondo modalità logiche e cronologiche che ha consentito il mantenimento dell’operatività aeroportuale e dell’utilizzo della rete viaria del territorio circostante che, nei momenti più critici, oltre al traffico ordinario ha dovuto sopportare un’ implementazione di circa 200 mezzi pesanti.
Ciò ha reso possibile una produzione media giornaliera (compreso sabato, domenica e festivi) di circa 175.000€/giorno con una resa pari allo 0,27% dell’importo complessivo delle opere di seconda fase. Tale valore, in assenza di accelerazione si attestava attorno allo 0.20% , pari ad una resa media di 126.000€/giorno.
Le principali opere completate nei tempi previsti per gli interventi compresi  nella seconda fase (la prima è stata quella relativa all’allestimento del cantiere, deviazione sotto/sopra servizi, espropri, bonifica del terreno da eventuali residuati bellici, espianto e reimpianto degli ulivi), sono state accorpate in macrocatregorie ed affiancate da alcuni dati significati che ne evidenziano l’importanza anche in termini quantitativi. Oltre alle suddette opere principali, il contratto con l’appaltatore prevede interventi compresi nella cosìddetta terza fase (riconversione dell’attuale caserma VVF) ed altre opere, da completarsi entro il 31 maggio 2007, non direttamente connesse alla funzionalità ed operatività della nuova pista di volo.
A garanzia e verifica del metodo di controllo adottato sull’avanzamento dei lavori, durante l’esecuzione degli stessi, si è reso necessario scorporare all’interno di ognuna opera le singole parti oggetto dei diversi controlli effettuati sistematicamente dall’Ufficio di Direzione Lavori. Altro strumento adottato per il monitoraggio dell’avanzamento dei lavori, per il rilevamento delle criticità, per l’analisi degli scostamenti temporali e qualitativi, è stato quello dell’attivazione dell’unità di soccorso AdP, il cui corpo operativo e decisionale - costituito da Amministratore Unico, Direttore Generale, Direttore Amministrativo, Responsabile del Procedimento e Direttore dei lavori - ha risolto in tempo reale e nell’ambito delle rispettive competenze e ruoli, tutti i problemi sorti  durante lo svolgimento dei lavori.
Si riportano, infine, alcuni dati che meglio evidenziano la grandezza quantitativa delle opere, buona parte delle quali rese nel sottosuolo:
• Movimenti di terra circa 1.000.000 di mc;
• Posa di nuovi cavi elettrici 120.000 m;
• Getti di calcestruzzo ciclopico circa 15.000 mc;
• Getti di calcestruzzo a dosaggio 180.000 mc;
• Getti di calcestruzzo a resistenza circa 83.000 mc;
• Ferri per armature 7.000.000 kg.
• 400 lampadine per pista di volo, via di rullaggio e piazzale sosta aeromobili.

ELENCO LAVORI REALIZZATI
1 - OPERE IDRAULICHE

Scatolamento canale “Fosso Monache”
• Lunghezza 460 m; Larghezza 15 m; Altezza 3 m  (pari ad un tunnel per una strada con 2 carreggiate e 4 corsie)
Scatolamento canale “Fosso Madonna”
• Lunghezza 785 m; Larghezza 4,80 m; Altezza 2,40 m.
Scatolamento canale “Fosso Macchione”
• Lunghezza 150 m
2 - STRADA PROVINCIALE  (S.Giorgio Jonico-Grottaglie)
• Lunghezza 3750 m circa; Superficie pavimentata 34.00 mq circa.
3 - STRADA PERIMETRALE (Strada perimetrale interna ALL’AEROPORTO)
• Lunghezza 7.000 m circa; Superficie pavimentata 50.000 mq circa.
4 - PISTA DI VOLO, BRETELLA E PIAZZALE AEROMOBILI
Piazzale di sosta aeromobili:
• Superficie pavimentata in calcestruzzo 47.000 mq circa;
Pista di volo
• Lunghezza 3200 m; Larghezza 60 m (45+15 shoulder);
• Superficie pavimentazione flessibile 156.000 mq circa; Superficie pavimentazione rigida 56.000 mq circa;
Via di rullaggio:
• Lunghezza 344 m; Larghezza 44 m (23+10,5+10,5); Superficie pavimentata 15.400.
5 – CASERMA DEI VIGILI DEL FUOCO
• Volume 11.920 mc; Superficie coperta 1580 mq; Piazzale manovra 8.640 mq;
• Lunghezza bretella di collegamento pista volo 260 m.
6 – RECINZIONE
• Lunghezza 8.000 m circa
7 - NUOVA CABINA ELETTRICA
8 – NUOVA CABINA ELETTRICA IVN/TWR/RA
9 – PISTA IMPIANTO VOLI NOTTE AVL
10 – ADEGUAMENTO CABINA AEROSTAZIONE PASSEGGERI
11 – SISTEMAZIONE E PROTEZIONE CONDOTTE AQP
12 – DEPOSITO CARBURANTI
• Superficie piazzali 7810 mq; Area fabbricati 244 mq; Stoccaggio carburante 182.000 lt.
13 – OPERE DI MITIGAZIONE AMBIENTALE


Informazioni Centralino AEROPORTI DI PUGLIA - Tel. 080 5800200

Informazioni - Tel. 099 5625600 / 601 / 605
Fax 099 5625645 
 
Biglietteria AEROPORTI DI PUGLIA – Tel. 099 5625605

ENAV - ENTE NAZIONALE ASSISTENZA AL VOLO
Direzione Tel. 099 5626301 - Fax 099 5626306

Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie