GIR BABY, ARRIVA L’ESTATE, OCCHIO ALLE SCOTTATURE!
Di Gessica Caramia (del 14/06/2013 @ 07:15:54, in Gir baby, letto 874 volte)

Arriva l'estate, il caldo, e le corse al mare dove la parola d'ordine per i nostri pargoli è non scottarsi! Il sole fa bene perché favorisce la vita all'aria aperta, tonifica l'apparato scheletrico e muscolare, migliora lo sviluppo respiratorio e favorisce la formazione della vitamina D, indispensabile per l'assorbimento del calcio e la sua deposizione nelle ossa.

Quindi, o al mare, in montagna o in collina, è bene esporre i nostri figli al sole ma è utile osservare anche alcuni semplici precauzioni:

1. Evitare le ore più calde: dalle 12 alle 15. I raggi solari sono diretti e il loro potere aggressivo è molto alto.

2. Esporli in modo graduale e progressivo. L'abbronzatura (cioè la produzione di melanina che protegge la cute dai raggi ultravioletti) ha bisogno di tempo per divenire efficace. Evitare quindi lunghe e saltuarie esposizioni ( per esempio solo nel week end).

3. Il sole si prende anche quando il bambino è in acqua o sotto l'ombrellone. Nell'acqua il calore non è percepito quindi è più facile andare incontro a scottature. Fate attenzione alle giornate nuvolose, il sole si prende lo stesso. Anche quando si va in montagna bisogna proteggersi dal sole, dai 300 metri sul livello del mare in su, le radiazioni aumentano del 4 - 5%.

 

 

 


4. Offrire spesso da bere al bambino, acqua, succhi frutti o altre bevande non fredde e a piccoli sorsi.

5. Utilizzare creme protettive solari sia per i raggi ultravioletti B che A , ad alta protezione, che vanno applicate prima dell'esposizione al sole e poi ogni 2 - 3 ore e dopo il bagno anche se sono resistenti all'acqua. (in caso di bambini allergici applicare una piccola quantità di crema su un braccio prima di spalmarla su tutto il corpo). Applicare la crema protettiva non vuol dire poter stare al sole tutto il tempo che si vuole, bisogna comunque rispettare la regola dell'esposizione graduale e delle ore più calde.

6. Prima di esporsi al sole , infine non applicare sulla pelle profumi , potrebbero sensibilizzare la cute e provocare macchie e irritazioni.

 

 


Lo scopo di tutto ciò è evitare che il bambino, appunto, si "scotti": un forte rossore e bruciore della pelle durante l'infanzia, infatti, possono rivelarsi pericolose da adulti. I bambini con carnagione chiara con capelli biondi o rossi e occhi chiari sono più esposti ad andare incontro a scottature e nei primi giorni di esposizione al sole, oltre ad applicare le semplici regole di pocanzi, è opportuno coprirli con un cappello, con una maglietta a maniche lunghe e pantaloni lunghi.

È preferibile usare tessuti a trama stretta e doppio strato quando è possibile. Per i neonati, una carrozzina con una tettoia è preferibile a un passeggino aperto.


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie