G. CAROLI: “FIAMME NELL’ISOLA ECOLOGICA DI MONTEIASI, PIROMANE O AUTO-COMBUSTIONE?”
Di Redazione (del 27/06/2013 @ 07:22:48, in Lettere, letto 1203 volte)

Non solo a Grottaglie, ma anche a Monteiasi si “potrebbe” piangere per il proprio piromane seriale? Auto-combustione o altro? Questa è la domanda che si pone il cittadino di Monteiasi, dopo aver appreso che in due giorni consecutivi è andata a fuoco, per tutti, l’isola ecologica a ridosso della strada provinciale per Montemesola, per tutti, zona industriale di fronte l’impianto - Stazione di servizio Q8.” Se lo domanda il sig. Giuseppe Caroli, che affida ad una lettera le sue perplessità.

Il giorno 22 e 23 giugno c.a., raccontano una storia paradossale di un’area, per pochi, sottoposta a sequestro della Polizia Provinciale Ambientale, per pochi, un’area che è stata oggetto di attenzione delle amministrazioni che si sono succedute negli anni e che hanno fatto della stessa, baluardo per le proprie campagne elettorali.

Oggi invece, dopo molti anni, si potrebbe fare chiarezza su le modalità con cui, un’area molto appetibile per gli investitori per la costruzione di opifici industriali, è venuta alla luce, il perché per alcuni di essi è in vendita l’opificio realizzato e il perché si faccia tanta fatica a renderlo funzionale al 100%, dopo che per anni e solo grazie ad alcuni, si sono portati sulla stessa, fogna e luce
.

 

 

 

 

Certamente – scrive ancora il sig. Caroli - chi la fa da padrone, per pochi e per tutti, è che l’area industriale fa fatica a decollare in maniera esponenziale, nonostante sia a due passi dallo stabilimento ALENIA (Grottaglie-Monteiasi), ma che per raggiungerlo bisognerebbe circumnavigare sulla Provinciale per Monteiasi o sulla Statale APPIA per Grottaglie.

Stranamente però, quando è stato chiesto (o imposto) di far passare l’alta tensione per lo stabilimento, tutti si sono mossi per dare “supporto e servigio” ad ALENIA, invece le priorità erano i collegamenti stradali, cosa che si sarebbe potuto ottenere contestualmente alla richiesta di energia, ottenendo, come nella figura, il famoso “collegamento ottimale”.



Il volano delle economie sono i trasporti, infrastrutture e lavoro naturalmente! Zona appetibile a ridosso della Statale APPIA, vicinissimi alla stazione ferroviaria e in casa un aeroporto.

Oggi noi, sul territorio, siamo carenti di questi tre ingredienti? No! Di certo almeno sappiamo che per lavorare dobbiamo rivolgerci altrove. E dove con questa crisi? Come se avessimo gli ingredienti e mancasse il cuoco per poterli mettere insieme. Una politica scellerata Regionale, una politica cieca Provinciale ed una sorda Locale, hanno mutilato un territorio in balia dei serial arsonist, o per qualcuno per auto-combustione, che ha messo fine ai tanti dubbi che i cittadini attenti alla cosa pubblica, si sono posti sul come “il fare e il disfare” dei nostri cuochi in tutte le istituzioni, hanno saputo mescolare a casaccio e senza successo, ingredienti per un pasto risultato indigesto per tutti i cittadini
.

 

 

 

Interroghiamo le nostre coscienze – invita ancora il sig. Caroli - e mettiamoci prossimamente da parte per le prossime campagne elettorali se siamo stati, anche in minima parte, artefici o autori di tanta discriminazione e menefreghismo della cosa pubblica e del proprio territorio. “Mettiti da parte se non hai fatto niente per aver potuto evitare “tutto questo”, interrogandoti magari delle cause e dell’effetto per aver provocato “tutto questo”, del tuo ego serial arsonist o per auto-combustione”.

Il danno è stato fatto e le conseguenze di tutto ciò non è di quelli che indossano le divise di disparate armi(basta leggerlo su “La gazzetta del mezzogiorno” di mercoledì 19 giugno 2013), bensì di coloro che negli anni e nei vari banchi di maggioranza e opposizione, si sono arrogati il diritto di poter pensare minimamente che mai nessuno ci avrebbe messo naso.

In effetti, la cosa che stimola l’appetito e l’ingegno dei cuochi di successo, è avere fiuto –
conclude il sig. Caroli. Provate a mangiare e a tapparvi il naso e poi diteci se il piatto che ci avete servito per anni era appetibile. Non si sente niente!!!"


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie