PRESENTATO A GROTTAGLIE “ALL’ANM “ IL DOCUFILM CHE RACCONTA I LUOGHI E LE PERSONE CHE LAVORANO E VIVONO VICINO L’ILVA
Di Redazione (del 16/09/2013 @ 06:31:54, in Territorio, letto 1063 volte)

Applausi per il corto ALL’ANM, il docufilm di Carlos Solito che racconta i luoghi e le persone che lavorano e vivono vicino l’ecomostro: l’Ilva, lo stabilimento siderurgico tarantino. sabato 14 settembre a Grottaglie (TA), in collaborazione con il Comune e il Gal Colline Ioniche, Carlos lo ha presentato al grande pubblico insieme a Ciro Alabrese, sindaco del Comune di Grottaglie; Maria Pia Ettorre Assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Grottaglie; Francesco Donatelli Vice presidente GAL Colline Joniche; Francesco Lopez di Oz Film; Giuseppe Ceccato dei Rolling Stone Magazine; Mauro Liuzzi , operaio Ilva attore del cortometraggio; Silvano Trevisani del Corriere del Giorno; Paolo Inno giornalista e Alessandro Amati di Borgo San Marco. Dopo la visione del docufilm tutti i partecipanti e gli spettatori sono stati concordi nell’affermare che ALL’ANM, è un film che vuole dare un segno di speranza. La parte finale, voluto fortemente dall’autore, termina infatti con le ombre di bambini che giocano.

 

 

 

 

Davvero un successo inaspettato. Ieri al Castello Episcopio, in occasione della presentazione di ALL'ANM, ho visto tanta gente. – dichiara Carlos Solito, autore di ALL’ANM - Platee così piene non capitano spesso e che questo succeda nel tuo luogo natìo è qualcosa di semplicemente bello e come il bello appaga e basta. Una gran partecipazione da parte del pubblico e da parte delle istituzioni locali ai quali rivolgo il mio più sentito ringraziamento e senza le quali la presentazione di ALL'ANM non sarebbe stata possibile: il sindaco di Grottaglie Ciro Alabrese, l'assessore Maria Pia Ettorre, il vicepresidente del Gal Colline Joniche Francesco Donatelli.




Un paio di ore piene a parlare della nostra provincia per la quale, tra l'altro, ho portato un'ambasciata del cantautore Omar Pedrini (le musiche del film sono sue) che, vicino alla questione che da tempo attanaglia i tarantini, annuncia IO SONO TARANTO, il claim nato da una costola del film con il quale Rolling Stone ha intitolato il reportage, sempre a mia firma, sul cartaceo di settembre
”.

 

 



Prodotto da Rolling Stone, in collaborazione con la pugliese Oz Film, ad un anno dalla caos Ilva, a fari abbassati,ALL’ANM, racconta in stile reportagistico i luoghi e le persone che lavorano e vivono vicino lo stabilimento siderurgico tarantino. Un’Odissea al contrario in cui i protagonisti possono essere definiti degli Ulisse, che a modo proprio vivono, condividono, fronteggiano e schivano il gigante: una fiera mitologica che punta i suoi tentacoli d’acciaio verso il cielo, come Scilla.

ALL’ANM, che nel dialetto tarantino è la tipica esclamazione che precede una sorpresa (per l’anima!), sia essa positiva o negativa, è lo stupore amaro che si prova da Grottaglie a Roccaforzata, da Statte al Mar Piccolo, fino a Taranto, fino al rione dei Tamburi (assediato dall’Ilva), ascoltando i sette protagonisti del film che nelle loro genuine interpretazioni sono l’ANM del territorio, ci mettono l’ANM per viverlo. I protagonisti sono tutti tarantini, in ordine alfabetico: Luciano Carriero (mitilicoltore di Taranto), Sabrina Corisi (figlia di Giuseppe, morto per neoplasia polmonare, di Taranto Tamburi), Simone La Mura (operaio Ilva), Mauro Liuzzi (sindacalista di Grottaglie), Michele Mero (operaio Ilva e pastore di Rocca Forzata), Viviana Petraroli (laureata in scienza dei beni culturali di Taranto), Christopher Solito (liceale di Grottaglie).


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie