LETTERE DEI CITTADINI: "CHIUDE IL TRIBUNALE A GROTTAGLIE E NESSUNO PROTESTA?"
Di Redazione (del 16/09/2013 @ 10:19:26, in Lettere, letto 1017 volte)

Da 16 settettembre 2013 il tribunale di Grottaglie cesserà di funzionare ai sensi dell'applicazione della cosiddetta "Spendig Review", i tagli che il governo ha imposto sulle sedi distaccate e giudici di pace sparsi su tutto il territorio nazionale. In diverse città d'Italia numerose forme di protesta hanno tentato di provocare un rinvio o magari una sospensione. Tranne a Grottaglie. A tal proposito ci scrive l'ing. Marino.

 

 


"Gentile redazione di Gir, sono un grottagliese emigrato nel nord della nostra bella penisola per esigenze professionali e di seguito anche familiari.
Lontano dalla città da oltre ventitreanni, figlio di una coppia di genitori avvocati, resto allibito e sorpreso da ciò che sta avvenendo a Grottaglie.
Dalle cronache locali non mi sembra di aver letto alcun movimento di protesta degli avvocati grottagliesi per evitare la chiusura della sede cittadina del tribunale come effetto della decisione del Governo centrale. In diverse città italiane si sono alzate numerose proteste, tutte necessarie per far comprendere al Ministro che i tagli ai tribunali non sono assolutamente da fare.

Questa riforma della geografia giudiziaria ha scatenato in tutta Italia, e soprattutto al Sud, blocchi agli ingressi dei tribunali, presidi in piazza, sciopero della fame, blocchi stradali, occupazioni. In molte delle quali hanno partecipato anche Sindaci e cariche istituzionali.

 

 

Mentre a Grottaglie?
Tutto tace. Tutto scivola via.
Perché? Cosa spinge la mia città a restare silenziosa e ferma?

Vi ringrazio se vorrete pubblicare la mia lettera."

Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie