CERAMISTI DI GROTTAGLIE, SAGGIO SUL DIALETTO: L'INTERVISTA (SECONDA PARTE)
Di Stefania Elia (del 20/09/2013 @ 17:52:21, in Grottaglie mia, letto 1078 volte)



PRIMA PARTE DELL’INTERVISTA  I   PRESENTAZIONE DELLE FONTI E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO  

(I indica l'intervistatrice, B l'intervistato)

4. L’INVETRIATURA

I. kọm–éreno li fúrne?
B. li fúrne éreno fúrne. a lléňňa. ẹ śtáva. un sọttọfórno camáto. ẹ ssóbbra al sọttọfórno č–éra il ffórno. ka si mittéveno tótta la rróbba ka si fačéva íntr–a lla putéa a fatiá. kuánna fatiáveno. li sékke ka pọ/ la verničáveno. la maǧǧór párte si verničáva kkrúta la rróbba. li minzáne. li kapáse. veníveno camáte. li kapasúne. tútte. si usáva la verníče a bbáse di piómbo. éra. tútte krúte. éra nu lavoráččo éra. spečalménte kuánna si fačéveno. si śtaňňáveno li kapasúne nó. rróbba ccú ggránne.

kuánna si śtaňňáva nó. č–éreno persóne abbastánza. abbíli. kọn la fórza di una čérta altézza. spečalménte pi/ li kapasúne ggránne. ka kuíre venívano prési dalla párte. dalla bbáse ẹ la párte sópra. ka pọ/ si mittéva. lu ggúmmo. camáva. lu ggúmmo íntra nó. ku lu bbọkkále. lu bbukále ggránne. ẹ si ǧiráva śtú bbukále immódọ ku si spannéva la párte ccú mméggo íntra. nó.

ẹ pọ/ śtáveno tútte–dóe śti kriśtiáne kuánna si śtaňňáva. mittéveno una máno sótta ẹ una sóbbra kọntempọraneaméntẹ ǧiráveno tótta na vóta fačéveno kussí póko póko. ẹ pọ/ ǧiráveno di kápu sótta pi fáre uššíre túttu lu ggúmmo ka éreno mittúto nó ẹ s–éreno verničáto túttu íntra. ẹ pọ/ si zimpáva. ẹ si bbaňňáva púru di fóre pọ/ sí. in piú párti si bbaňňáva di ddéntro. ẹ ddúue párti di fóre púru.

I. Com’erano i forni?
B. I forni erano forni a legna e c’era un vano chiamato camera di combustione e al di sopra di esso c’era la camera di cottura in cui si posizionavano tutti i manufatti che si preparavano nella bottega quando si lavorava. Si facevano essiccare e poi si verniciavano. La maggior parte dei manufatti si verniciava non cotta, come le brocche di creta, i vasi cilindrici in terracotta, così venivano chiamati, e i grandi recipienti di creta. Per tutti si usava la vernice a base di piombo. Erano tutti non cotti, l’invetriatura era un lavoraccio, specialmente quando si rivestivano i grandi recipienti di creta, i manufatti più grandi.

Gli addetti al rivestimento erano persone abbastanza abili, che dovevano avere forza e una certa statura, specialmente per sollevare i grandi recipienti di creta. Quelli venivano presi dalla base e dalla parte superiore e poi si introduceva il piombo, così veniva chiamato, all’interno attraverso un boccale grande. Con questo boccale si versava il liquido in modo tale da distenderlo sulla parete interna.

Poi, quando il manufatto veniva rivestito, erano presenti queste persone che mettevano una mano sotto e una sopra e contemporaneamente lo giravano tutto d’un colpo, facevano in questo modo, poco per volta e poi lo giravano a testa in giù per far uscire tutto il rivestimento piombifero che avevano messo e in questo modo si verniciavano le pareti interne. Poi si mettevano in piedi e si verniciava anche la parte esterna. All’interno si verniciava in più parti mentre all’esterno la vernice andava su due parti
.

 

 

5. LA DISPOSIZIONE DEI MANUFATTI ALL’INTERNO DELLA FORNACE

va bbó. kuánna éreno ssukáte bbéne si nkaminávano nó. si mettévano nel fórno nó. inkọlọnnáti l–úno sull–áltre. úno sóbbra l–ótro. úno sóbbra l–ótro. ẹ si mettéveno di várie grandézze. le minzáne. li kapasúne. mmiénzo a llu fórno. in módo ka kuánna śtáveno nkamenáveno. si tíče kussí. kuánna śtáveno inkamináte tútte l–ọǧǧétte kapasúne ẹ áltri pézzi. uno si zimpáva sóbbr–a. si mittéveno li rutiédde. éreno nu léňňo. di léňňo. činkuánta lárge. si mittéveno sóbbra. miénzo. sóbbra lli kapáse ẹ śtáveno kapọvólte púru in módo ka. si putéa kaminá sópra. pi/ méttere la rróbba. a ttútte li fiankáte de lu ffórno nó. ẹ kuánna si mittéva la rróbba śtáveno skálze. alla skasáta śtáveno íntr–a llu fórno. perké kọn le skárpe putéveno fá mólto mọviméntọ ẹ si rrumpéveno li pézze. perké éreno krúte. sékki. ẹ si rrumpéveno.

pó/i mán máno ke si alzáva. ẹ si fačéveno íntr–a llu fórno kọmọ na spéče di skalináta. ttre ppézzi ka ppọ/ li mettéveno dópo finíti. in módo per andáre rréto lu ffúrno pi/ mméttere ótra rróbba. nọ pputíie ancé príma lu nnánte ẹ pọ/ ér–ancé pọ/ lu iérto pi/ ššé rréto. kóme na spéče. di skála. sémpre la śtéssa rróbba nó. peró mettéveno púru lli rrutiédde. śti pizziétte di léňňo nó. óňňe gradíno. skála ka śtáva. skalóne ẹ si mittéveno śti kapasúne. in póke paróle. śtáveno divérsi módi pi/ mméttere la rróbba. śtáveno li lémmere púru. čérte vóte ku si rriváveno a śtá altézza mittéveno li lémmere camáte nó. di várie grandézze. di várie grandézze sí. ẹ li mittéveno kapọvólti úno sull–áltro. peró. éreno tútte a ggradazióne li grandézze nó. veníva lu ccú pikkólo lu ccú gránne l–ótro ccú gránne l–ótro ccú gránne. ẹ si mittéveno l–úno sull–áltro peró nọn si takkáveno. śtáva atténto lu maéśtro kuánna li mittéva. lu méśtru. kuánna li mittéva ka. nọn č–éreno a ttukká či nọ nkuddáveno. kuánna fačéva la fusióne lu piómbo nó. ka si kuočéveno. ẹ si énce lu fúrno kussí.

pọ/ lu fórno kuándo veníva cúso. veníva fátta la paréte. vólta per vólta ke si ncanáva. ẹ mittéva rróbba íntr–a llu fórno si fačéva la paréte ẹ. póko póko di paréte. ẹ le paréti venívano fátte tútte kọn i fọrellíni. si lassáveno. mináveno li mmattúne ẹ si lassáveno li fọrellíne piččínne nó. kuíre piččínne nó. piččínne nó. pi/ assé l–ária. ẹ le fiammélle. per dáre próprio ária. ẹ perké se cúdi tútto nọn či śtáva ária ọssíǧeno déntro. per kuándo si mmettéva va bbé pọ/ ti spiégo kọmọ si mittéva. kuándo si cudéva pói il fórno ka veníva méssa tótta la rróbba ke n–či vulèva. e. sóbbra veníva lassáto nu bbúko gránne de vénti. vénti. ventičínkue čentímetri sóbbra próprio lu fórno nó. ẹ si mittéveno ttre pézzi di rróbba. lu śtrúlo. ẹ śtu śtrúlo si dáva lu kọlóre. lu śtésso kọlóre ka dáveno a lli minzáne a lli kapasúne nó. ẹ kuíro si mittéva sópra sópra. ddó. mittéveno tre ppézzi. laššávano nu bbúko ppiččínno. či éren–a mméttere kuíre kóse nó. či nọ si ncéva la soffítta.

B. Quando si essiccavano per bene, i manufatti venivano infornati, si posizionavano nel forno, impilati l’uno sull’altro. Essi erano di varie grandezze, c’erano le brocche di creta, i grandi recipienti di creta che venivano sistemati in mezzo al forno in modo tale che, quando si infornavano, si dice così, tutti gli oggetti, come i grandi recipienti di creta e altri manufatti, una persona si arrampicava per raggiungere la bocca della fornace e per mettere dei piccoli pezzi di legno lunghi cinquanta centimetri. Si posizionavano sopra, in mezzo, ai vasi di terracotta che erano capovolti in modo tale da poterci camminare sopra per sistemare gli altri manufatti lungo le pareti laterali del forno. Quando si sistemavano i manufatti, si stava scalzi, senza scarpe, all’interno della fornace perché con le scarpe si poteva creare movimento e si potevano rompere i manufatti che non erano cotti, erano secchi.

Poi, man mano che questa persona avanzava all’interno della fornace, costruiva una specie di scalinata con tre manufatti che poi si sistemavano, una volta modellati, in modo da raggiungere il retro del forno per posizionare altri manufatti. Non si poteva riempire prima la parte anteriore del forno se non si colmava la parte retrostante. Si creava una specie di scala sempre con gli stessi manufatti, però si adoperavano anche i piccoli pezzi di legno. Tra un grandino e l’altro di questa scala si sistemavano questi grandi recipienti di creta. In poche parole, esistevano diversi modi per sistemare i manufatti. C’erano anche i catini. Alcune volte, arrivati ad una certa altezza, si posizionavano i catini cosiddetti, di varie grandezze e li sistemavano capovolti uno sull’altro, però le varie grandezze erano sistemate con gradualità: prima c’era il più piccolo, poi il più grande poi l’altro più grande e l’altro più grande ancora e si sistemavano l’uno sull’altro, però non si toccavano. Il maestro, quando li sistemava stava attento a non metterli troppo vicini tra loro altrimenti si attaccavano, perché il rivestimento piombifero, durante la cottura, si fonde.

Il forno viene riempito in questo modo. Quando si doveva chiudere la fornace veniva costruita una parete, volta per volta che si avanzava e si sistemavano i manufatti all’interno della fornace si costruiva un pezzo di parete. Sulle pareti venivano aperti dei forellini, dei piccoli spazi che venivano lasciati quando si sistemavano i mattoni. Si lasciavano questi forellini piccoli per consentire all’aria e alle fiammelle di uscire fuori, perché se il forno veniva chiuso completamente non circolava l’aria all’interno. Poi ti spiego come si sistemava. Quando venivano posizionati tutti i manufatti necessari il forno si chiudeva e nella parte superiore si lasciava un foro largo venti – venticinque centimetri. Proprio sulla parte superiore del forno si mettevano i tre manufatti tra cui l’orciolo, che aveva lo stesso colore delle brocche e dei grandi recipienti che si sistemavano lì sopra. Veniva lasciato un piccolo foro. Si sistemavano quei manufatti in modo tale da non riempire il vano superiore del forno
.

 

 

6. L’ACCENSIONE DELLA FORNACE E LA COTTURA

B. peró laššávano nu fóro ppiččínno mmiénzo íntr–a llu fórno. ẹ di kuíro bbúko kuándo si śtáva kuočéndo. si śtá kuočéva. ke si finéva di kuočére nó. si ppiggáveno kuíste kkuá ka camáveno la móśtra. ẹ. la móśtra. pi/ vité/ lu kọlóre. če si kučéva bbuéno. ẹ. dópo óre kuánna vitéveno ka lu kọlóre kkuminzáva a kkambiáre pi/ rrivá a kuíro kọlóre própria ǧǧiúśto nó. ẹ kuánna spiččáveno li ttre pézzi siňňífika ka éra kuétto. lu kọlóre éra perfétto nó. ẹ veníva lassáto. kalimé/ per esémpio. a llu fórno. sọttọffórno kuánna si kučéva. veníva mésso la léňňa. kómọ lu ma camá. il lióne. venívano camáte li lióne. li lióne fátte a śtózze. di vénti trénta čentímetri a ssekónda. di vénti. trentadúue čentímetri. vinévano fátte a śtózze piččínne.

ke kuándo si ppiččáva lu fuéko sótta lu sọttọfórno nó. úno asséa la léňňa ẹ si kkuminzáva da lu prinčípio. a ddó śtáva lu sọttọfórno. si aččendéva. si ppiččáva la léňňa. ẹ si mmittéva la léňňa a ppíkka a ppíkka. kussí tótta in–ǧiro in–ǧiro. ẹ si seguíva kómọ piččáva. si seguíva a mméttere a mméttere léňňa fin tánta si arriváva diétro. ka śtáva tútto aččéso nó. tútto a lli fiánke de lu. sọttọfórno. lu fukóne veníva camáto. si camáva lu fukóne ka si mináva lu fuéko. ẹ kuándo. pre–sémpio śtáva la temperatúra di. dočénto kráte si kkuminzáva a mminá kuíśto nọn či mi lo rikórdo ccú. [+] lu núzzo. ka pọ/ mi véne a mménte. lu núzzo. éreno li spól l e kuánna mmačináveno l–alíie. ka rrimanéveno li spól l e ku lli trúzzele sprikuláte. kuíro si camáva lu núzzo. ẹ ku kuíro si camáva lu núzzo. ẹ ku kuíro ddáe. si kkuminzó a mminá lu sótta. peró nnánte a llu fukóne. si mmittéva. la śtróma di ávre t–alíie. pikkóla śtróma pi/ mmantiné la fiámma ppiččáta.

ka tu kuánna mináve kuíśto ššéva ku la pála lu kriśtiáno. piggáva la pála piččénna kkuminzáveno a ffárlo nfuká. a ppíkka la vvóta. dópo óre piggáva kuéra pála ccú gránne ẹ ni mináva di ccú ẹ pọ/ piggáva na pála ccú ggránne ẹ ni mináva di ccú ankóra. pekké kominčáva la kaloríia ffórte. ẹ. śtáveno per. fin tánta ke si mettéva la léňňa. si śtáva. séi sétt–óre a mméttere la léňňa. ẹ ssí. nọn è ka la mittéveno tótta na vóta. póko a ppóko či nọ si rrumpéva la rróbba di íntra. ẹ kuánna si mittéva nó. te l–ággu ddítto nó. či s–éru kuétto. ku lu núzzo. ẹ. óňňi tánto kuánna si śtá kučéva. lu se ka śté la paréte a llu fórno. ẹ śté la bbókka sópra nó. kómọ ággu ddítto ka si piggáveno li pézzi ka s–éreno kuétto. fin tánto ka si kučéa ẹ śtáva la paréte ku li bbókere ku asséa la fiámma. kómọ rrussáva. kuánna vitéveno ka rrussáveno li bbókere núue ššéveno ku la kréta ẹ ttappáveno li bbókere. mán máno ka rrussáveno ššéveno ku la kréta ẹ si ttappáveno śti bbókere.

fin tánto ka rriváveno sóbbra rrimanéva. kuíro ggránne sọlaménte. čérte vóte a čérti fórni. própria ggránne. kamíne ccú ggránne. tinímo lu kamíno. lu kamíno ccú ggránne. śtáveno ttre fóre. ttre sópra. ttre fóre. ttre bbókere. uno ggránne al čéntro ẹ ddó ppiččínne lateralménte. sémpre ku asséva l–ọssíǧeno. la fiámma nó. pi/ kuánna mináve sótta. si mináva lu núzzo. lu mináva. l–ária ku l–ọssíǧeno fačéva kussí. lu succáva. lu succáva immódo ku ššéa la fiámma sópra. ẹ ssí. lu tiráǧǧio. veníva camáto nó. lu ffórno éra púru fọráto di sópra. č–éreno kómọ dei fóri. la lámia. si camáva la lámia nó. éra kkọsí [+] ẹ śtáveno púru li fóre ka púru di ddá asséa li fiammélle ku l–ária próprio per avére. kuéśta fórza. ka si mináva la sánza ẹ si fačéva lu risúcco. ku ššéva sóbbra a lla fiámma nó. fíno arrivá sópra lu fórno.

pekké lu fórno kuánna véne nkamináto. a ppassá di parécce passáǧǧe pikkóli la fiámma. ẹ či nọ śté l–ária apérta sópra. nọn či ncána máe. ẹ kọsí. si kočéva kóme l–o détto. ka pọ/ si ppiggáveno li pézze. príma di finíre di kučé/. kuánna díčeno. sí lu putímo lassá. dičéveno nó. kamináva lu fuéko. lu núzzo púru. putímo lassá.

B. Però si lasciava un piccolo foro nella parete superiore della fornace. Da quel foro, mentre i manufatti si stavano cuocendo, verso la fine della cottura, si prendeva quello che chiamavano il provino per vedere se l’invetriatura si stava fissando bene sul manufatto. Dopo molte ore il colore dell’invetriatura cominciava a cambiare e raggiungeva la gradazione giusta. Quando quei tre manufatti erano cotti per bene significava che l’invetriatura era completa e il colore era perfetto e così veniva lasciato. Si diceva, ad esempio, “Calimé”. Quando si doveva cuocere nella camera di combustione veniva messa la legna, come si chiama, la legna tagliata a pezzi lunghi venti – trenta centimetri a seconda dell’uso. Veniva tagliata a piccoli pezzi lunghi venti – trentadue centimetri.

Quando si accendeva il fuoco nella camera di combustione la persona addetta all’accensione prendeva la legna e cominciava dal principio. Nella camera di combustione la legna si aggiungeva poco alla volta, quasi a formare un cerchio e appena si accendeva, man mano si aggiungeva legna fino ad arrivare sul fondo della fornace. Il fuoco così si accendeva e ricopriva anche le pareti laterali della camera di combustione. Essa veniva chiamata così perché c’era il fuoco. Quando, ad esempio, si raggiungeva la temperatura di duecento gradi si iniziava a buttare, questo non me lo ricordo più, la sansa, mi è tornata in mente. La sansa era il residuo della spremitura delle olive. Quando si macinavano rimanevano i panelli con le bucce, i noccioli e la polpa che poi venivano frantumati. Questo composto si chiamava sansa e si iniziava a buttare nella camera di combustione però nella parte anteriore dove si metteva anche una frasca dell’ulivo potato, una piccola frasca, e piccoli pezzi di ramo d’ulivo per mantenere viva la fiamma.

Quando si doveva buttare la sansa, l’operaio addetto alla fornace prendeva una piccola pala e iniziava a buttare la sansa nella camera di combustione e si cominciava ad infuocare poco alla volta. Dopo ore prendeva la pala più grande e ne buttava di più e poi prendeva una pala ancora più grande e ne buttava ancora di più perché si iniziava a raggiungere temperature alte. Ci si impiegava sei, sette ore per mettere la legna e non si sistemava tutta insieme ma poco alla volta altrimenti si laceravano i manufatti che stavano all’interno della fornace. Durante la cottura, si buttava la sansa, questo te l’ho detto. Lo sai che c’è la parete all’interno della fornace e il foro nella parte superiore. Come ho detto, si prendevano i manufatti che si erano cotti. C’era la parete con i fori per permettere alla fiamma di uscire fuori. Non appena vedevamo, attraverso i fori, che i manufatti cambiavano colore prendevamo l’argilla e chiudevamo i fori.

Man mano che cambiavano colore prendevamo l’argilla e chiudevamo questi fori, finché si arrivava nella parte superiore della parete dove rimaneva solamente il foro più grande. Talvolta, in alcune fornaci molto grandi, o camini più grandi, noi avevamo un camino grande, c’erano tre fori nella parte superiore: uno grande al centro e due piccoli nella parte laterale per permettere all’ossigeno e alla fiamma di uscire fuori. Quando si buttava la sansa nella camera di combustione l’ossigeno faceva così: c’era un risucchio per permettere alla fiamma di uscire dalla parte superiore. Si chiamava il tiraggio. La fornace aveva anche dei fori nella parte superiore sul soffitto, si chiamava così. Da questi fori uscivano l’aria e le fiammelle. Si buttava la sansa per dare maggior forza al fuoco che aveva una specie di risucchio che permetteva alla fiamma di uscire dalla parte superiore del forno.

Per preparare la fornace all’infornata, occorrono diverse piccole fasi. Se non è presente un’apertura nella parte superiore la fiamma non riesce a salire in superficie. In questo modo veniva realizzata la cottura, come ho detto. Poi si prendevano i manufatti prima di terminare la cottura. Quando si diceva: “Sì, li possiamo lasciare nella fornace”. Il fuoco si rinvigoriva grazie alla sansa
.



Il presente articolo è una riduzione ed un adattamento di alcune parti della tesi di laurea in Dialettologia Italiana della dottoressa Stefania Elia, intitolata “I CERAMISTI DI GROTTAGLIE - SAGGIO LINGUISTICO” e presentata nell’Anno Accademico 2011 – 2012 presso il corso di laurea in Filologia Moderna - Facoltà di Lettere e Filosofia della Università degli Studi di Bari. Non è consentito l’utilizzo e la riproduzione in tutto o in parte, con alcun mezzo, di quanto pubblicato senza il preventivo ed esplicito consenso della autrice, che può essere contattata alla email stefania.elia@alice.it (N.d.R.)


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie