GIR BABY, LE “CAPRIOLE” DEL BIMBO DURANTE LA NANNA, COME CORRERE AI RIPARI?
Di Gessica Caramia (del 06/12/2013 @ 06:35:00, in Gir baby, letto 982 volte)

Il passaggio del proprio piccolo dalla culla al suo lettino è molto importante e fondamentale per la crescita, un altro passetto in avanti verso la sua indipendenza. Ma è anche vero che molti bambini continuano ad avere un   modo di dormire abbastanza “buffo” e dinamico anche se hanno a disposizione un letto molto più grande.

Moltissimi tendono a spostarsi a destra e sinistra o, addirittura, girarsi dall’altra parte del letto e, oltre alla preoccupazione che possano cadere (se non ci sono degli opportuni fermi ai lati), il cruccio notturno di ogni genitore è il loro scoprirsi continuamente dovuto ai repentini movimenti e ai conseguenziali frequenti raffreddori soprattutto nei mesi più freddi.

 

 

 

Una soluzione alternativa a questa loro autonomia a scoprirsi continuamente, potrebbe essere il “sacco - nanna”,sia per la culla che per il lettino: una sorta di sacco a pelo che coprono anche le braccia e la testa, lasciando comunque la possibilità al bimbo di muoversi al suo interno, proprio come un vero e proprio sacco da campeggio ed è antisoffocamento in quanto è provvisto di bretelle a canottiera che non fanno scendere giù la testa del piccolo.

Ma questo fino a circa 3 anni, per i più grandicelli non lo si può utilizzare in quanto non esistono dei modelli grandi abbastanza per età superiori.

Ma se questo metodo non vi piace e volete lasciar dormire i vostri figli con le normali coperte, buona parte della copertura dal freddo dovrebbe derivare dal pigiama, e solo una parte residuale dovrebbe essere lasciata alle coperte, se sapete che queste “spariranno” presto grazie a calci e capriole. Per i primi anni (non se ne trovano oltre i 3 anni) un pigiama “integrale”, che copre anche i piedi, può essere una buona soluzione.

 

 

 

Quando i bambini sono più grandi, è necessario passare al pigiama in due pezzi ed è consigliabile comprarli di una misura un po’ abbondante, in modo che la maglietta sia abbastanza lunga da poterla infilare nei pantaloni e non scoprirà la schiena nelle “evoluzioni” notturne. La scelta del materiale (caldo cotone, felpa, ciniglia o pile) dipende dal clima e dal tipo di riscaldamento che avete in casa.

I nostri figli continueremo a trovarli sempre nelle posizioni più assurde, scoperti, liberi e felici ma almeno non saranno perennemente raffreddati vi pare?


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie