ALL’ITIS FALANTO DI TALSANO, CORSI ANCHE PER I GENITORI
Di Redazione (del 21/01/2014 @ 04:32:50, in Cultura, letto 859 volte)

L’Itis “Falanto” a Talsano , in via Brunelleschi, ora aggregato all’Ipsia Archimede di Taranto nell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore, ha lo scopo di cimentarsi con qualcosa di utile dal punto di vista tecnico, sollecitando l’impegno e la dedizione a progetti pluriennali portati avanti dagli   stessi studenti con passione e con sempre più conoscenze tecniche.

Non più solo teoriche ma finalizzate al concreto. La soddisfazione che quello che si studia sui libri poi venga realizzato con il supporto dei loro insegnanti tecnici è la vera gratificazione per gli uni e per gli altri, in una scuola italiana che in generale sembra andare a rotoli. Certo è che non è nemmeno tanto facile saper discernere una scuola tecnica da un’altra.

Oggi poi è invalsa la tendenza per gli insegnanti di presentare progetti tra i più svariati e con priorità diverse che poi vengono considerati allo stesso modo e pertanto tutti approvati forse più che altro per non fare torto a nessuno. Alcuni poi fanno ricorso a soggetti esterni.

 

 

 

Certo è di notevole importanza anche questo. Ma singolare e particolarmente meritorio e degno di lode deve essere considerato far uscire novità dalla normalità e dalla quotidianità delle stesse ore di lezione, magari in laboratori che il più delle volte non sono nemmeno al top. È il caso per esempio dell’Itis Falanto che però gode di laboratori ben attrezzati che ha sempre ben utilizzato, organizzando ogni anno per i suoi alunni corsi tecnici, realizzando manufatti elettronici e applicazioni informatiche.

Quest’anno poi ha in più da poco organizzato anche per i genitori degli alunni, quelli delle terze classi delle scuole secondarie di primo grado, dei corsi pratici di “attività laboratoriali”. In foto due esempi di quello che si può trovare in questa scuola: una macchina cella idrogeno e un robot. Tra i 6 corsi programmati, quelli aperti anche ai genitori sono quello di Informatica, “L’uso delle nuove tecnologie finalizzato all’osservazione dell’andamento didattico disciplinare del proprio figlio” nel Laboratorio d’Informatica, quello di Elettronica, “Robotica educativa” (Esperienze di programmazioni di Robot) nel Laboratorio di Tecnologia e Progettazione Sistemi Elettrici e quello di Sistemi, “Installazione Reti di computer” nel Laboratorio di Sistemi.

Si svolgeranno nei mesi di gennaio e febbraio al fine di orientare gli alunni e le loro famiglie verso una scelta più consapevole dell’istituto tecnico da scegliere.

 

 

 

Obiettivo è naturalmente il successo finale con l’inserimento professionale dei suoi allievi dotati di diploma di Perito Informatico o Perito Elettronico. Uno di questi lo abbiamo incontrato casualmente nei corridoi della scuola che ha aperto i battenti al pubblico per farsi visitare. È Andrea Zaccaria, diplomato nel 2012. È diventato esperto Informatico nel progetto PON-FSE “Assemblaggio e Manutenzione PC” rivolto agli alunni frequentanti le classi terza, quarta e quinta. E’ passato dai banchi in cattedra, ma non fa solo il formatore, ci riferisce.

Una soddisfazione per la scuola e uno sprone per tutti gli studenti che possono crescere in un ambiente formativo che glielo permette. Può essere questo scontato e naturale, ma non è così. Ci si rende conto magari in futuro di essere stati dei privilegiati. Per esempio chissà per quale motivo qualche anno fa Andra Zaccaria avrà scelto questa scuola. Probabilmente non per le particolari competenze tecniche offerte, di cui poi ha potuto usufruire inconsapevolmente e con successo, ma magari per qualche circostanza occasionale.

La scelta per una scuola tecnica andrebbe effettuata con più discernimento. Ci vorrebbe più consapevolezza e riconoscimento delle buone opportunità, quelle vere, create nei tanti laboratori, sì dalle macchine, ma soprattutto dalla competenza , dalla serietà professionale e dalla voglia esigente di fare di alcuni docenti. Per prenotare e partecipare alle attività previste, sono in programma anche delle visite domenicali, è possibile telefonare allo 099-7314045 e chiedere del prof. Raimondo, collaboratore del Dirigente Scolastico o del responsabile di sede prof. Nuzzi o dell’assistente tecnico signora Romanelli.


(Si ringrazia per la gentile collaborazione il giornalista Vito Piepoli, autore del presente articolo)


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie