UDC: “MARINELLI E SANTORO FACCIANO CAPIRE AL SINDACO CHE NON STA LÌ PER CASO”
Di Redazione (del 28/01/2014 @ 06:48:12, in Politica, letto 837 volte)

L’UDC è presente al Comune di Grottaglie con un Consigliere, Giovanni Marinelli, e con un Assessore, Antonio Santoro. Ebbene è da loro che deve ricominciare l’azione politica del Partito, verso il traguardo di fine mandato e verso la prossima campagna elettorale.” A dichiararlo è Giuseppe Russo, vice   segretario provinciale dei giovani UDC che aggiunge: “Sicché, in Consiglio Comunale si dovrà giocare la strategia dei contenuti. Ossia bisognerà subito disegnare i percorsi dello sviluppo, del progresso e della crescita di questa Città. E bisognerà farlo esclusivamente su due fondamentali questioni: il lavoro e le famiglie. Dal lato del lavoro, la discussione dovrà trattare prioritariamente il ricambio generazionale, per avere disponibili le forze giovani, quando la ripresa economica richiederà un grande impatto, massima motivazione e specifiche competenze.

Mentre, d’altro lato, l’attenzione dovrà essere rivolta alla protezione assoluta dei nuclei familiari, che a tutt’oggi hanno garantito e garantiscono ancora la stabilità e l’ordine sociali, ma con grandissimo sacrificio e con grave impoverimento del proprio patrimonio privato. In parallelo, nella Giunta comunale, bisognerà far ripartire l’amministrazione civica nel suo complesso sostanziale e formale, cioè occorrerà puntare immediatamente sulla la strategia dei fatti. Senza dubbio e non solo con i provvedimenti per l’ordinarietà e per la quotidianità delle faccende, bensì anche con l’avvio di un’azione ad alto profilo locale, riguardante le opere pubbliche, gli assetti di area vasta e i rapporti istituzionali. Mi spiego meglio.

Le opere pubbliche dimostrerebbero, nella doverosa pianificazione del territorio, la visione futura proposta dal Comune, sia sotto forma progettuale e programmatica delle strutture e delle infrastrutture necessarie, sia sotto forma previsionale delle risorse da captare e da rendere qui disponibili nonché qui spendibili. Curare gli assetti di area vasta significherebbe altresì per il Comune un ritorno alla concertazione aperta tra gli Enti giurisdizionali e le Categorie sociali, dunque la riacquisizione dell’occorrente potere negoziale, da portare ai tavoli delle trattative regionali, nazionali e comunitarie
.

 

 

 

Infine, prosegue Russo - la ricomposizione dei rapporti istituzionali segnerebbe un ritrovato protagonismo della Città con gli interlocutori autorevoli, con le autorità legittime, con i pubblici della cittadinanza attiva e con la gente della poco praticata e molto vantata democrazia della partecipazione.

In definitiva, credo che tanto il Consigliere Marinelli quanto l’Assessore Santoro, questi con le importanti deleghe al Bilancio e alle Attività produttive, debbano finalmente sentire le responsabilità dei ruoli, di cui sono mandatari eletti o nominati. Credo sia arrivato il tempo perché ambedue dimostrino la loro intelligenza politica
.

 

 

 

Al proposito, - conclude Russo - suggerisco due modi semplici e trasparenti. Pubblicamente, prima traccino il consuntivo dell’operato di metà consigliatura e poi dichiarino le linee di continuità e di compimento della stessa consiliatura. Ciò per cominciare la risalita con il piede giusto e, non di meno, per restituire, al voto fiducioso dato nel 2011 dalla popolazione civica, il giusto corrispettivo di trasparenza, onestà e, spero, effettivo risultato.

Eppure, a Marinelli e Santoro toccherà forse un'altra più onerosa missione: far capire al Sindaco che non sta lì per caso
.”


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie