A GROTTAGLIE LA POETESSA MARAM AL MASRI
Di Redazione (del 11/02/2014 @ 06:30:42, in Cultura, letto 1006 volte)

Lungo tutto lo scorso anno si è snodato a Grottaglie un percorso volto ad esplorare letterature contemporanee tra le sponde del Mediterraneo: ponendo in relazione la nostra identità letteraria regionale con i tanti autori pugliesi ospitati ed altre, come per esempio quella algerina con lo scrittore Karim Metref o quella greca con i numerosi incontri del progetto Talking Lands.

Una idea progettuale nata e sviluppata in feconda collaborazione tra il Presidio del libro, e l’Amministrazione Comunale, sostenuta dalla Banca di Credito Cooperativo di S. Marzano di S. G. e condivisa dalle Istituzioni scolastiche cittadine. In questo contesto tematico un nuovo evento organizzato anche con il contributo dell’Associazione Koinè: un incontro con la poetessa siriana di cittadinanza francese, Maram Al Masri che si confronterà sulla sua poesia con i suoi lettori Mercoledì 12 febbraio h.18,00 nello splendido salone del Museo della ceramica al Castello Episcopio.

 

 

 

Giovedì 13, invece Al Masri incontrerà gli alunni delle scuole superiori presso l’aula “Monteleone” del Liceo “Moscati”. A presentare le liriche dolcissime, struggenti della poetessa siriana saranno rispettivamente nei due appuntamenti le Professoresse Ilia Vestita e Daniela Annicchiarico. La traduzione, in simultanea dal francese sarà curata nei due appuntamenti dalla Sig.ra Rania Matar di madrelingua araba nostra concittadina.

All’incontro serale hanno assicurato il loro intervento, dopo il saluto del Sindaco Avv. Ciro Alabrese, il Prof. Salvatore Marzo Dirigente del prestigioso Liceo Ginnasio “Aristosseno” di Taranto frequentato da molti studenti di Grottaglie per i corsi di lingua francese e la Prof.ssa Teresa Bosco Vice Presidente di Alliance Française di Taranto.

 

 

 

Maram al-Masri è nata nel 1962 a Lattakia (Siria), città sulle rive del Mediterraneo, vicinissima all’isola di Cipro. Vive a Parigi dal 1982. Il suo primo libro “Ti minaccio con una colomba bianca” pubblicato a Damasco nel 1984 ed il suo secondo “Ciliegia rossa su piastrelle bianche” pubblicato a Tunisi nel 1997 furono salutati con entusiasmo dalla critica dei paesi arabi. Poi “Ti guardo” Beirut 2000, Italia 2009 e “Anime nude” fresco di stampa in Italia da Multimedia Edizioni. I suoi versi compaiono in "Non ho peccato abbastanza. Antologie di poetesse arabe contemporanee", Mondadori, 2007.

La sua è una poesia d'amore di tipo intimistico, libera nel verso e nella metrica, la cui originalità consiste nella resa, in pochi versi, di immagini poetiche pregnanti e d'effetto, e nella frequente ricerca del verso finale "a sorpresa", ironico o straniante”.

La lirica è il genere letterario per eccellenza del mondo arabo, un mondo che si esprime in una lingua dal lessico infinito e dalle meravigliose potenzialità fonetiche, naturalmente ricca di sfumature e musicalità.

La ricerca di libertà, a partire da quella stilistica, il desiderio di raggiungere e superare i limiti imposti dalla tradizione, la frattura con il passato, è la cifra che unisce molti poeti e poetesse: una sfida vissuta sulla carta e spesso nella realtà quotidiana. Nei versi di Al Masri temi eterni, come le inquietudini esistenziali, il sentimento, l'amore, il corpo: un inno alla vita e alla passione, un canto che diventa un sensuale gioco di sensazioni
."


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie