ARRIVA NIDI, BANDO DA 54 MILIONI PER L'AVVIO DI MICROIMPRESE SENZA FAR RICORSO ALLE BANCHE
Di Redazione (del 14/02/2014 @ 00:04:31, in Economia, letto 1403 volte)

L’assessore regionale Capone l’ha definito: "Una sfida per chi ha idee, coraggio e voglia di mettersi in gioco" nel corso dell'incontro alla Camera di Commercio dove, oltre a presentare il bando per l'internazionalizzazione delle PMI e delle reti di imprese ha illustrato il bando NIDI (Nuove Iniziative D'Impresa).

Un bando – afferma Michela Danucci, responsabile per Grottaglie del “Centro Democratico - che sicuramente aiuterà concretamente le nuove iniziative in quanto la Regione si farà carico del 50% a fondo perduto e contemporaneamente finanzierà direttamente le imprese senza fare ricorso alle banche ad un tasso dello 0,50. Nei prossimi giorni noi di Centro Democratico organizzeremo un incontro d'intesa con il segretario provinciale Stellato per illustrarne i dettagli, sicuramente interessanti.”

 

 

 

Ancora una volta la Puglia si conferma laboratorio di innovazione”, ha detto l’assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone. “Questo bando così atteso dai pugliesi, è una sfida nuova e innovativa che lanciamo a chi ha idee e coraggio, ma poche risorse per affrontare l’investimento. Ci permette di aiutare l’artigiano, il ristoratore, l’affittacamere, ma anche le agenzie di viaggio, i consulenti, i giornalisti, gli asili, le imprese di costruzioni, gli studi professionali. A questa platea di giovani, donne, disoccupati vogliamo dire che è arrivato il tempo di uscire dall’inerzia di un’attesa, spesso inutile, del posto fisso.

L’incentivo della Regione è quella spinta in più per aiutare chi ha difficoltà di accesso al mondo del lavoro, ad autoimpiegarsi trasformando l’idea in una nuova iniziativa economica. Per questo abbiamo messo a disposizione, fondi, comunicazione, sportelli. Adesso ci aspettiamo che soprattutto i nostri giovani rispondano con entusiasmo, perché la creazione di una nuova impresa è una grande opportunità. Ma questa opportunità ha bisogno di protagonisti numerosi e dinamici, pronti a cogliere la sfida e a vincere

 

 



Durante l'incontro Michela Danucci ha rivolto all'Assessore la richiesta di una zona franca che includesse anche Taranto città ,la zona ASI, e le zone industriali di Grottaglie Carosino, Monteiasi e Faggiano per far si da creare un incubatore d'impresa intercomunale servito dall'aeroporto, dalla ferrovia e dal porto. Infine ha rivolto un appello ad aumentare il fondo prevenzione usura per evitare nuove disgrazie da parte di imprenditori disperati.


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie