DANUCCI: “FINANZIAMENTI FINO AL 65% A FONDO PERDUTO PER ATTREZZATURE”
Di Redazione (del 25/02/2014 @ 06:56:04, in Economia, letto 1136 volte)

Aperto un nuovo bando Invitalia 2014 per la concessione di finanziamenti a fondo perduto fino a 200mila Euro ad imprese insediate o che intendono insediarsi presso la Rete Incubatori dell’agenzia. Sarà possibile richiedere le sovvenzioni a partire dal 3 aprile 2014. Lo rende noto un comunicato a cura di Michela Danucci e Massimiliano Stellato, che spiega: “Invitalia, l’agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha pubblicato, infatti, il bando Fondo Rete Incubatori 2014, finalizzato all’assegnazione di finanziamenti a fondo perduto alle imprese insediate o che intendono insediarsi presso gli incubatori della rete di Invitalia.

I contributi economici mirano a finanziare programmi di investimento nel settore manifatturiero e in specifici comparti del settore servizi con sovvenzioni di entità non superiore al 65% delle spese di investimento ammissibili, fino a 200mila Euro, secondo la regola de minimis
.

 

 

 

REQUISITI
Possono presentare domanda per i finanziamenti a fondo perduto 2014 Invitalia le micro e le piccole imprese in possesso dei seguenti requisiti: - essere già insediate in uno degli incubatori della Rete o aver già presentato domanda di insediamento; - essere regolarmente costituite sotto forma di società ed essere iscritte nel Registro delle Imprese; - essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti civili, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali; - regime di contabilità ordinaria; - non aver ricevuto e non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea; - trovarsi in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia ed urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente e con gli obblighi contributivi; - non essere state destinatarie negli ultimi 3 anni di provvedimenti di revoca totale di agevolazioni pubbliche, ad eccezione di quelli derivanti da rinunce; - aver restituito agevolazioni pubbliche godute per le quali è stato disposto un ordine di recupero; - non essereimpresa in difficoltà così come individuata nel Regolamento GBER (Reg 800/2008); - non essere imprese insediate negli incubatori da oltre 36 mesi che non prevedono l’uscita dalla struttura e lo sviluppo sul territorio
.

 

 

 

AGEVOLAZIONI
Sono stati stanziati ben 5.145,457 Euro per l’assegnazione di contributi a fondo perduto fino a concorrenza del 65% delle spese d’investimento ammissibili, nel limite massimo di 200.000 Euro, per ogni domanda accolta positivamente.Le agevolazioni possono essere cumulate con altre agevolazioni finanziarie pubbliche concesse sia precedentemente, sia successivamente alla deliberazione di ammissione, esclusivamente entro i limiti e nei termini consentiti dal “de minimis”.

ATTIVITA’ FINANZIABILI
Sono ammissibili a finanziamento i programmi di investimento promossi nei seguenti settori della Classificazione delle attività economiche ISTAT 2007: - Sezione C – Attività manifatturiere; - Sezione D – Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata; - Sezione E – Fornitura di acqua,; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento; - Sezione H – Trasporto e magazzinaggio; - Sezione J – Servizi di informazione e comunicazione; - Sezione M – Attività professionali, scientifiche e tecniche; - Sezione N - Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese; - Sezione P – Istruzione; - Sezione R – Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento; - Sezione S – Altre attività di servizi.

Per quanto riguarda le tipologie specifiche di aziende ammesse al bando Invitalia 2014 si rimanda a quanto dettagliatamente indicato nello stesso. Legge Sabatini A sua volta, il Direttore Generale dell'Abi Giovanni Sabatini ha sottolineato che "questo strumento agevolativo è un tassello importante della politica di sostegno alle imprese e, in particolare, di quelle del Mezzogiorno, che si affianca alla Nuova Sabatini, con l'obiettivo di favorire nuovi investimenti in un momento nel quale siamo tutti impegnati a promuovere la ripresa economica".

Il vantaggio assicurato alle imprese, e anche ai loro fornitori, dalla particolare modalità di erogazione disciplinata dalla Convenzione non è l'unica forma di semplificazione amministrativo - procedurale introdotta nella gestione dello strumento agevolativo. Si segnala, in particolare, che è già fruibile la piattaforma informatica, implementata, in collaborazione con Invitalia, per la compilazione guidata delle domande di ammissione alle agevolazioni, che potranno essere presentate a partire dal 31 marzo.


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie