PETRARULO: “SOTTOSCRIVIAMO UN PATTO ETICO E CAMBIAMO LA NOSTRA CITTA'”
Di Redazione (del 07/03/2014 @ 06:14:10, in Lettere, letto 1263 volte)

In questo periodo non posso non fare una considerazione, non mi ritengo un politico esperto anche perchè nella attuale politica il sinonimo di esperto è furbo, nel mio piccolo osservo con attenzione ciò che sta succedendo nella politica locale, ma di fatto non è altro che lo specchio di quella nazionale.” Lo scrive Ciro Petrarulo, coordinatore di “Uto'pia” in una lettera ai rappresentanti politici presenti sul territorio, aggiungendo: “Dopo varie richieste giuntemi di colloqui con pseudo rappresentanti di partiti in fase di formazione, sono più confuso che mai.

Non perchè non capisca le loro richieste, ma perchè ci sia ancora gente che le fa! Credo ora più che mai si senta un' esigenza e se si riuscisse a trasformare in forza riformista, il cambiamento si potrebbe realizzare
.

 

 

 

Il mio – scrive Petrarulo - vorrebbe essere un invito ai rappresentanti di partiti e movimenti politici sul territorio a sottoscrivere pubblicamente un “PATTO ETICO “. Questo dovrebbe contenere delle nuove regole che permettano di non avere più transumanti e affaristi pronti a vendersi e quindi a vendere il futuro di una comunità, riuscendo cosi ad escludere dalla politica soggetti che hanno dimostrato poca affidabilità in passato e non rappresentano certo un vanto per la rappresentatività della nostra comunità.

Privilegiare la competenza e la trasparenza ,avere il coraggio di rinnovare la classe politica ,questo “patto etico “ dovrebbe coinvolgere tutti e dico tutti i partiti e movimenti Non concentrarci sulle incapacità altrui ma sulle nostre capacità , non solo critica inconsistente a volte di cattivo gusto e spesso confondendo la vita privata con gli ideali politici ,ma costruttiva con proposte alternative ,una visione nuova della nostra comunità che consideri le difficoltà dei molti cittadini e le potenzialità del nostro territorio e della nostra cittadina
.

 

 

 

Qualcuno – evidenzia Petrarulo - potrebbe dire come mi è già stato detto “ così non si vince “! Bene, a questa perplessità rispondo come ho già fatto di persona “ COSI' SI CAMBIA “! e vinceremmo comunque ,ma lo faremmo tutti. Se volessimo veramente cambiare la politica e ridargli il significato che dovrebbe avere ,tutti e ribadisco tutti dovremmo avere la capacità di metterci in discussione ,ridiscutendo il metodo ed il modo con cui si è fatta sino ad ora. L'incompetenza amministrativa è troppo evidente per far finta di niente , l'immobilismo è il risultato.

Dovrebbe esserci la capacità di selezionare chi candidare con caratteristiche che debbano poi portare risultati positivi non ad personam ma alla comunità intera ,questo obiettivo si può raggiungere avendo rappresentanti capaci , preparati e integri moralmente . Quindi i responsabili delle varie componenti politiche dovrebbero impegnarsi nella selezione attenta dei possibili candidati e ciò potrebbe avvenire solo dandosi delle regole etiche a cui tutti naturalmente si dovrebbero attenere . Concludo invitando ancora coloro che dovrebbero e che a mio parere devono agire per non far perdere ulteriormente significato alla politica di riflettere su quanto scritto .

La politica non è ambizione personale o peggio cura degli interessi personali,ma dedizione alle necessità e ai fabbisogni della comunità che si dovrebbe rappresentare ed ora più che mai questa esigenza si sente ,la politica non è gridare slogan inattuabili e senza senso. Per avere una prospettiva futura credibile ,la politica e chi la fa deve avere il coraggio di mettersi in discussione ,non con congressi inutili e più delle volte con segretari già nominati con compravendita delle tessere, ma discutere di regole nuove che possano privilegiare i veri valori che si dovrebbero avere amministrando o ambendo ad amministrare una comunità.

Credo che Grottaglie ha un'occasione unica per le prossime amministrative, essere o diventare una comunità di riferimento per altre comunità ,sottoscrivendo ed insisto un “PATTO ETICO “.

Questa –
conclude Petrarulo - non vuole essere una critica a coloro che cercano in tutti i modi di dare anche se un minimo apporto di positività ,pur facendo parte di istituzioni oramai marce, ma ad un sistema che per cambiare ha bisogno di coraggio e voglia vera di cambiamento ! Cerchiamo di costruire un futuro nuovo e non di riparare un passato che ha fallito !"


Gir: 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, dalla Citta' di Grottaglie